TV 4K OLED per giocare | I migliori del 2022

TV 4K OLED per giocare | I migliori del 2022

I migliori TV 4K OLED per giocare o, più semplicemente, i migliori TV per giocare. Ammettetelo: in questo periodo che ha visto l’arrivo delle nuove console e delle performanti schede NVIDIA, siete soliti digitare frasi di questo tipo sui principali browser, perché avete in programma di cambiare il vostro televisore così da sfruttare al meglio i nuovi hardware. Compiere questa scelta, tuttavia, non è mai facile, e in questi mesi con alcune guide dedicate abbiamo fatto il possibile per indirizzarvi verso il prodotto giusto, il più adatto alle vostre necessità. Detto ciò, andiamo a vedere quali sono i migliori TV 4K OLED per giocare, quindi pronti per le nuove console e i più prestanti computer da gaming. Qualora non foste interessati alla tecnologia OLED, il suggerimento è di consultare questo articolo, all’interno del quale è possibile trovare altri televisori adatti al gaming di nuova generazione.

I migliori TV 4K OLED per giocare

Foto generiche

LG C1

Foto generiche

Lo abbiamo ribadito più volte all’interno delle nostre guide dedicate ai migliori TV Gaming, e anche in questa sede non possiamo che ripeterci: ad oggi, budget permettendo, la miglior soluzione per giocare è LG C1, pannello OLED completamente dedito alle funzionalità HDMI 2.1 e consigliato anche per la visione di Film e Serie TV.

Cominciamo dicendovi che lo trovate in varie taglie, dal 48”, la più piccola, fino ad arrivare all’83” (ovviamente il prezzo varia a seconda delle dimensioni). In quanto alle caratteristiche, invece, abbiamo 40 Gbps di banda disponibile, non 48 come sarebbe lecito aspettarsi. Tuttavia ciò non rappresenta affatto un problema, poiché Xbox Series X riesce a gestire un massimo di 40 Gbps, quindi perfettamente in linea con LG CX; mentre PlayStation 5 si limita a soli 32 Gbps. In ogni caso, per ambo le parti, la banda sarà più che sufficiente per gestire segnali RGB, 4K, HDR. Discorso un po’ diverso per il 4K a 120Hz, che costringe PlayStation 5 ad abbassare il formato colore a YUV 422, a differenza di quanto succede con la con la console ammiraglia di casa Microsoft.

Banda a parte, il pannello supporta il VRR, eliminando ogni forma di tearing e gestendo al meglio frame rate variabili, e ALLM, ossia lo switch automatico alla modalità gioco, così da ridurre al minimo il tempo di risposta, che segnaliamo essere inferiore ai 10ms.

» Vedi LG C1 su Amazon


Sony A90J

Foto generiche

Primissimo OLED in casa Sony a supportare i 120Hz e tutte le caratteristiche legate a HDMI 2.1, questo televisore farà sicuramente al caso vostro nel caso in cui siate alla ricerca di un OLED di fascia molto alta.

Segnaliamo infatti la presenza di moltissimi formati HDR e un picco di luminosità parecchio elevato per un OLED, che rende questo modello uno dei più luminosi ed efficaci per quanto riguarda la resa di immagini HDR. L’unico neo, che purtroppo affligge anche i TV LED della compagnia, come ad esempio XH90, è il fatto che non è possibile visualizzare contemporaneamente sorgenti Dolby Vision e 4K 120Hz, poiché il televisore ha due formati HDMI distinti, che dovrete cambiare continuamente nel caso colleghiate questo pannello a Xbox Series X, tanto per fare un esempio, dato che è l’unica console con pieno supporto Dolby, a differenza di PlayStation 5.

» Vedi Sony A90J su MediaWorld
» Vedi Sony A90J su eBay


Sony A80J

Sony A80J

Tutti i televisori 2021 di Sony, la serie XR per intenderci, beneficiano di un’ottimizzazione pressoché completa con PlayStation 5. In sostanza, una volta collegata al televisore, la console ottimizzerà automaticamente tutte le impostazioni inerenti al gaming ed calibrerà per voi l’HDR, eseguendo una taratura dalle impostazioni del sistema. Insomma, massima resa e zero stress con i settaggi video.

Oltre a ciò, vi ricordiamo che stiamo parlando di un modello OLED, quindi caratterizzato da un design premium e ultra sottile e da un contrasto sostanzialmente infinito, capace di regalare scorci mozzafiato con i migliori videogiochi presenti sul mercato. Inoltre, anche in questo caso, 4K a 120Hz, nonché pieno supporto alle funzionalità HDMI 2.1, vale a dire VRR e ALLM. Mancano gli standard Free-Sync e G-Sync, e una modalità dolby vision costruita attorno al gaming, ma essendo un televisore principalmente cucito addosso alle specifiche di PlayStation 5, non ne sentirete la mancanza.

» Vedi Sony A80J su MediaWorld


Philips 806

Foto generiche

Anche Philips è in grado di dire la sua nel mondo dei televisori OLED, e lo dimostra con l’ottimo 806, un modello 4K HDR che, nonostante rinunci a caratteristiche quali ALLM o VRR, non si fa di certo rimproverare in merito alla qualità delle immagini. Inoltre, è dotato di un pannello a 120Hz, veramente ottimo per le nuove console.

Anche in questo caso le taglie disponibili sono diverse, anche se, almeno per il momento, quella da 65″ va per la maggiore. Segnaliamo anche il supporto agli standard HDR più comuni, da HDR 10 che è maggiormente diffuso per i videogiochi a Dolby Vision, ideale per Serie TV e Film. Molto bello anche il design, esattamente come la tecnologia ambient light, che rende le immagini ancora più luminose.

» Vedi Philips 806 su MediaWorld
» Vedi Philips 806 su eBay


Panasonic TX-48

Foto generiche
Foto generiche

Infine, chiudiamo con Panasonic, in particolare con il modello TX da 48″, una diagonale molto competitiva la quale potrebbe attirare molti videogiocatori, soprattutto PC e con un setup tipico da scrivania. Se siete solidi conoscitori dei più popolari brand di televisori avrete sicuramente sentito parlare di Panasonic, assoluta garanzia per quanto concerne la fedeltà dei colori, la calibrazione di fabbrica e la visione di film e serie tv, da qualche tempo anche addentro al mondo del gaming, come dimostra questo modello. Il televisore in questione, infatti, è un modello HDMI 2.1, vale a dire pronto per le attuali console, poiché si porta in dotazione le caratteristiche più importanti tra le quali spicca un pannello a 120Hz, veloce e perfetto per i videogiocatori.

All’appello non mancano neanche i più importanti standard HDR, e anche l’audio, seppur non perfetto, è in grado di dire la sua, con suoni nitidi e cristallini. Insomma, un modello da tenere in considerazione.

» Vedi Panasonic TX-48 su Unieuro
» Vedi Panasonic TX-48 su eBay


TV 4K OLED per giocare: le caratteristiche più importanti

Il setup tradizionale per la stragrande maggioranza di giocatori console, il più comune e apprezzato. Divano-TV è da sempre un’accoppiata vincente, anche per le attuali Xbox Series e PlayStation 5, che anzi trovano nei TV di ultima generazione degli ottimi partner. Tra specifiche HDMI 2.1, VRR, ALLM e 120Hz, i maggiori produttori di TV stanno facendo il possibile per assecondare le volontà dei giocatori, come dimostrano tutti i modelli da noi selezionati all’interno di questa guida. Andiamo a scoprire nel dettaglio tutte queste caratteristiche!

HDMI 2.0 oppure 2.1?

Dal momento che le console supportano pienamente i nuovi formati HDMI 2.1, il nostro consiglio è di puntare proprio sui televisori con questa caratteristica, a meno di non dover necessariamente scendere a compromessi a causa del budget. HDMI 2.1, infatti, vi consente di godervi immagini 4K a 120Hz e con chroma 444, ovvero il meglio del meglio per quanto riguarda la resa dei colori e della fluidità delle immagini. Vi sono poi anche altre caratteristiche come ALLM e VRR, che riducono drasticamente l’input lag e il tearing a schermo. Il primo consente al televisore di lanciare automaticamente la modalità gioco quando necessario, così da accontentare anche gli utenti più pigri, coloro i quali che, televisore rimosso dalla confezione, altro non fanno che collegarlo alla presa di alimentazione, senza preoccuparsi dei vari settaggi video. Il secondo, invece, il VRR, è una tecnologia utilissima per tutti quei titoli non dotati di un frame rate stabile. In sostanza, ciò che avviene, è una sincronizzazione tra refresh rate e frame rate in-game, così da evitare artefatti quali tearing, oppure drastici cali nel frame rate.

Input lag e HDR

Una volta deciso il formato HDMI, è il momento di scegliere un pannello che abbia anche un input lag basso (per fortuna, oggi, parecchio ridotto anche su TV) e che supporti i più comuni formati HDR. Il più diffuso in ambito gaming è HDR10; in secondo piano, ma è del tutto in fase sperimentale e riguarda esclusivamente Xbox, il Dolby Vision. Quest’ultimo è molto raro da trovare, specialmente associato al gaming. I televisori Sony, ad esempio, lo supportano in pieno, ma solo per quanto concerne la visione di film e serie tv; ad oggi, l’unico produttore TV davvero pronto per il gaming in Dolby Vision è LG, che ha sviluppato una modalità pensata per il gioco la quale supporta in contemporanea persino il VRR e il Free-Sync, davvero il meglio del meglio.

HGiG, cos’è e perché è importante?

Ebbene fare una precisazione: ad oggi l’esperienza HDR nel gaming è un po’ sporca, nel senso che non vi è una buona collaborazione tra schermo, console e software. Ecco perché, ormai da qualche anno, è stato lanciato HGiG, nato dall’unione di tutti i più noti produttori TV per risolvere queste problematiche. Soltanto in questo modo, infatti, otterrete un’ottima comunicazione tra i device, e non sarà necessario calibrare manualmente HDR su ogni singolo videogioco. Tuttavia, queste condizioni vanno rispettate da ambo le parti: affinché tutto questo accada davvero, non solo il televisore deve supportare HGiG, ma anche i giochi devono essere pensati dagli sviluppatori per accompagnare questo standard. Ad oggi, non sono moltissimi i videogiochi supportati, esattamente come le TV, tra le quali spicca la presenza di LG, ancora una volta impeccabile in ambito gaming.

Audio e design minimale

Lo sappiamo: puntare anche sull’audio può sembrare sciocco, vista la sempre più diffusa abitudine di affiancare un buon impianto audio al proprio televisore. Tuttavia, se proprio non vi va di spendere altri soldi per una buona soundbar, consigliamo di prendere in considerazione i TV Sony, da sempre caratterizzati da una resa acustica di tutto rispetto, compresi tutti i formati più comuni, a partire dal DD e Dolby Atmos. Per quanto riguarda il design, invece, l’obiettivo è quello di puntare su un design super minimale, così da mimetizzare il tutto e dar ampio risalto alle vostre PlayStation 5 e Xbox Series X.

Perché uno schermo OLED è la scelta ideale?

L’eccellenza in ambito televisivo, ad oggi, è rappresentata dagli OLED, tipologia di pannello che riesce a gestire in modo indipendente ogni pixel e raggiunge un livello nella resa dei neri semplicemente imparagonabile ad altre tecnologie (anche LED con supporto al local-dimming e mini-LED). Questi modelli sono perlopiù diffusi in ambito cinematografico, suggeriti quindi per film e Serie TV, ma nell’ultimo periodo hanno preso piede anche in ambito gaming, anche se a causa di un noto problema denominato burn-in, alcuni sono parecchio allarmati e preferiscono optare per un LED o QLED (qui la nostra guida). Superato questo timore, però, parecchio arginabile facendo un refresh periodico dei pixel e attivando le impostazioni di inattività per mandare lo schermo off quando non si digita alcun input, sarà difficile tornare indietro: una volta che vi troverete davanti a immagini così dettagliate e profonde, sarete certi di aver fatto la scelta giusta.

Fonte: tomshw.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *